Due robot d'eccezione. Due alleati di prim'ordine. Goffi, ingombranti, talvolta difettosi. Prendono istruzioni troppo alla lettera, ma ci salvano la vita. Chi di noi non ha mai sognato di volare con Baymax o di avere un gigante metallico tutto per sé? Baymax vs il gigante di ferro!

 

(Contiene spoiler su Big Hero 6 e Il Gigante di Ferro)

Baymax

Baymax

Gigante di Ferro

IronGiant2

 

Origini e struttura

Baymax nasce con l’idea di assistere i pazienti come operatore sanitario. Ha in memoria una enorme quantità di dati medici, ed è programmato per far fronte ad ogni genere di emergenza: dalla tachicardia all’infarto, dal controllo della pressione sanguigna alle alterazioni emotive, dagli sfoghi cutanei fino allo stress. Può essere attivato da un semplice suono o disattivato dichiarando di essere soddisfatti del soccorso prestato. E’ in grado, inoltre, di captare la pubertà. Inizialmente goffo e ingombrante, ha bisogno di spazio per operare al meglio. E’ in grado, tuttavia, di adattarsi a spazi angusti e a forme irregolari grazie alla sua struttura gonfiabile. 

 

Le origini del gigante di ferro sono misteriose. Forse cinese, forse russo, forse di origine aliena, non è dato sapere chi l’abbia costruito e a quale scopo. In una scena cancellata dal montaggio finale, lo si vede visualizzare altri robot simili a lui distruggere un pianeta sconosciuto. Uno dei suoi primi avvistamenti avviene in alto mare dopo il lancio del primo Sputnik. Ha un gigantesco corpo metallico alto più di 50 piedi, e trae energia nutrendosi proprio di metallo e ferraglia. Le parti del suo corpo possono separarsi dalla struttura centrale, e il gigante è in grado di controllarle in remoto anche da grandi distanze. 

 Poteri 

Programmato per essere un assistente gentile e disponibile, spesso richiede un feedback per il controllo qualità dei suoi servigi.Può essere comandato vocalmente, e sa riconoscere termini e modulazioni di voce. Ha delle funzioni social che gli permettono, in caso di necessità, di contattare amici e persone vicine all’assistito. Può essere programmato e/o riprogrammato in diverse modalità, inclusa la Berserk.

Baymax_Armor

Ha un potente scanner per eseguire check-up immediati ed è in grado, all’occorrenza, di emanare calore. Presenta, inoltre, utilissime potenzialità di modifica, upgrade, potenziamento e personalizzazione, ed è in grado di comprimersi in una capsula portatile. Necessita di essere periodicamente ricaricato.

Nel suo grande e meccanico corpo, il gigante svela gradualmente una gran quantità di funzioni complementari: nel braccio destro possiede un cannone a proiettili energetici che esplodono a impatto con il target;  è dotato, inoltre, di tre cannoni scorpion a lunga gittata all’altezza della schiena; nel braccio sinistro presenta un lanciaproiettili al plasma provvisto di una grossa chela retrattile in grado di roteare su se stessa; un grande cannone energetico all'altezza del torace, probabilmente la sua arma più potente; può sparare raggi laser dal volto, capaci di folgorare anche superfici metalliche.

IronGiant3

Di default, il gigante non presenta un comportamento né ostile né aggressivo. Se minacciato, può entrare automaticamente in modalità difesa o attacco, anche se dichiara più volte di non essere stato concepito come arma. E’ provvisto di un efficace sistema di autoriparazione, che gli consente di riunire eventuali pezzi separati dalla sua struttura. Può ruotare a 360° sul bacino, raggiungendo elevatissime velocità di rotazione. Grazie a dei potenti propulsori è in grado, inoltre, di volare. Non sembra, tuttavia, presentare molto spazio di intervento o manovra in termini di potenziali modifiche, upgrade, aggiunte, espansioni e/o potenziamenti di vario genere.

Alleati

Hiro Hamada è un quattordicenne nerd, appassionato di robotica, che vive nel culto del fratello maggiore. Orfano dei genitori, vive con il fratello e la zia, che gestisce un piccolo pub a conduzione familiare e si prende cura dei ragazzi. Ama costruire piccoli robot con i quali si iscrive a contest, più o meno clandestini, nei quali piccoli droidi se le danno di santa ragione. Sensibile ma impulsivo, ha una mente geniale. Ma ha spesso bisogno di un’ispirazione per trovare l’idea giusta. 

Hogarth Hughes vive con sua madre, che lavora come cameriera in un bar nella sonnolenta cittadina di Rockwell, nel Maine. E’ un tipo solitario, enormemente curioso, dall’intelligenza vispa e brillante, vittima dei bulli a scuola. Vive tempi difficili, in piena guerra fredda, ma cerca di condurre una vita il più possibile avulsa dal contesto, coltivando la sua passione per fumetti e supereroi. La sua è una piccola cittadina di provincia, ben presto scossa da avvenimenti misteriosi. 

Ha un debole per il caffè, che lo rende su di giri e sopra le righe. Trova un alleato, e un buon amico, nello stralunato Dean, squattrinato artista del metallo.

 

 

E voi, chi preferireste come alleato? Il fido e premuroso Baymax o l'enorme e superaccessoriato gigante?

 

Hai amato Il Gigante di Ferro? Fai un salto QUI!

 

Non ci sono commenti.

Sii il primo a lasciare un commento.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.